Confermata la prima morte per vaiolo delle scimmie in Europa. La Spagna ha confermato un decesso venerdì.

È il primo decesso noto per malattia in Europa. Il ministero della Salute spagnolo a Madrid ha confermato la morte venerdì sera. Non sono stati forniti ulteriori dettagli. L’ultimo rapporto sulla situazione dell’infezione da parte delle autorità spagnole afferma anche che nel paese sono già stati confermati 4.208 casi di vaiolo delle scimmie. Tuttavia, informazioni più dettagliate sono disponibili solo per 3.750 pazienti, compresi i 120 che sono trattati in clinica. Venerdì scorso, il Brasile ha riportato il primo decesso per vaiolo delle scimmie nel paese e quindi anche al di fuori dell’Africa. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato l’epidemia di vaiolo delle scimmie una “emergenza di interesse internazionale” in più di 50 paesi. Lo ha annunciato sabato scorso il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus in una conferenza stampa. La classificazione ha lo scopo di aumentare la consapevolezza dei paesi membri, ma non ha conseguenze pratiche dirette, perché i governi stessi decidono eventuali misure nei loro paesi. L’emergenza sanitaria è stata dichiarata solo sei volte, l’ultima nel gennaio 2020 a causa della rapida diffusione dell’allora ancora nuovo tipo di corona virus. Una “emergenza di portata internazionale”, per usare il termine ufficiale, viene dichiarata quando si verifica un problema di salute “grave, improvviso, insolito e inaspettato” che potrebbe diffondersi ad altri paesi. Questo attiva misure internazionali. La decisione spetta al capo dell’Oms Tedros. Cugino meno pericoloso del vaiolo, che è stato sradicato circa 40 anni fa, il vaiolo delle scimmie si trova comunemente nell’Africa occidentale e centrale. Da maggio, tuttavia, il vaiolo delle scimmie si è diffuso anche in altri paesi, soprattutto nell’Europa occidentale e anche in Austria. La malattia è denunciabile. Secondo l’OMS, il 98% dei casi di vaiolo delle scimmie si è verificato in uomini che hanno avuto rapporti sessuali con altri uomini. È stata quindi formulata una raccomandazione comportamentale per il gruppo maschile vulnerabile: “Questo significa fare scelte sicure per se stessi e per gli altri, per gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. Ciò include, per ora, la riduzione del numero di partner sessuali”, ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus.