Calcio Serie C, 6a Giornata. L’Avellino cresce, i gol di Casarini e Russo inchiodano il Potenza.

Avellino – Potenza 2-0

Avellino (4-3-3): Marcone; M. Ricciardi, Moretti, Aya, Auriletto; Matera, Casarini, Franco (34′ st Garetto); Ceccarelli (34′ st Micovschi), Trotta (26′ st Gambale), Russo (43′ st Rizzo). A disp.: Pane, Tito, Murano, Maisto, Illanes, Zanandrea. All.: Taurino.

Potenza (4-3-3): Gasparini; Gyamfi, Legittimo, Girasole, Rillo; Del Pinto (10′ st P. Ricciardi), Steffè (29′ st Volpe), Talia (29′ st Laaribi); Emmausso, Caturano (36′ st Belloni), Del Sole (10′ st Di Grazia). A disp.: Alastra, Celesia, Sandri, Armini, Polito, Logoluso, Verrengia, Masella, Schimmenti. All.: Siviglia.

Arbitro: Bordin di Bassano del Grappa.

Assistenti: Ricciardi di Ancona e Bianchini di Perugia.

Quarto uomo: Vergaro di Bari.

Note: ammoniti Auriletto, Caturano, Garetto,  Girasole, Laaribi; recupero p.t. 1′, s.t. 5′; angoli 5-3.

Reti: 10′ pt Casarini, 18′ st Russo.

di Lucio Ianniciello

L’Avellino trova la seconda vittoria di fila in casa, Potenza battuto 2-0. Prima sconfitta per i lucani dopo 5 pari consecutivi. Un passo in avanti per i lupi dal punto di vista della prestazione che sono venuti fuori nel secondo tempo. I due bei gol di Casarini e Russo decidono il match.

Taurino conferma il 4-3-3, Ricciardi e Auriletto i terzini, assente dell’ultima ora Jacopo Dall’Oglio per una ferita lacero contusa alla mano destra, tridente offensivo Ceccarelli-Trotta-Russo. Altri tre gli indisponibili: Di Gaudio, Kanoute e Guadagni. Stesso schema per il Potenza, Matino non figura nemmeno in panca, Emmausso, Caturano e Del Sole in avanti. La prima occasione di rilievo è per gli irpini, al 5′ Matera, da corner, serve Auriletto che di testa non impatta benissimo e Gasparini non ha difficoltà.  Passa un minuto, diagonale un po’ ciabattato  di Emmausso che trova pronto Marcone. La risposta dell’Avellino è micidiale, da fuori Casarini pesca il jolly con un rasoterra leggermente sporcato. Lupi in vantaggio al 10′. Il Potenza non ci sta, due occasioni di cui una conclusione tentata da Del Sole, fiacca. Lo stesso Del Sole dopo un paio di giri di lancette gonfia il sacco ma è fuorigioco. I viaggianti cercano di fare la partita,  al 27′ è l’Avellino pericoloso, un ottimo filtrante di Casarini trova pronto Ceccarelli, il suo tiro è parato da Gasparini. La difesa irpina balla un po’, un’uscita avventata di Marcone poteva costare cara, al 30′ Aya si rifugia in angolo mettendo una pezza. Il primo giallo è per Auriletto, al 38′ un cross teso di Ricciardi sarebbe stato degno di miglior sorte. Negli ultimi minuti del primo tempo  un tentativo di Emmausso, da dimenticare, avendo scorto Marcone in posizione non ottimale, una chance ghiotta per Ceccarelli su disimpegno sbagliato di Girasole, proteste per l’intervento di Gasparini e un diagonale ancora di Emmausso, facile preda di Marcone.

Si riparte con una conclusione ribattuta di Ceccarelli e l’altra sul fondo di Del Sole. Siviglia effettua due cambi, nella mischia P. Ricciardi e Di Grazia. Al 15′ Casarini per Ceccarelli, il suo tiro sotto misura non è preciso.  L’Avellino vuole il raddoppio, tiro di poco alto da parte di Matera. Arriva al 63′, cross di Ricciardi e Russo al volo, in splendida acrobazia, buca Gasparini. Si leva il grido della Curva in un Partenio Lombardi bagnato dalla pioggia. Il team di Taurino gira, Ceccarelli se ne va e tenta un diagonale, da posizione defilata, che si perde di poco a lato. Il Potenza ha la forza di replicare, è vivo, Caturano dentro l’area spara fuori. Avvicendamento Trotta-Gambale al 71′. Poi è la volta di Garetto e Micovschi, escono Franco e Ceccarelli. Il romeno ci prova all’84’, tiro dalla distanza sballato. Il Potenza non è domo, due conclusioni insidiose di Volpe non trovano fortuna. Cinque i minuti di recupero, Gyamfi buca la rete avellinese ma la sua posizione è di off side e il gol viene annullato. Il Potenza insiste, Gyamfi serve Di Grazia, il suo piatto non è preciso. L’Avellino va vicinissimo al tris al 95′, sgroppata di Russo, rimpallo che favorisce Gambale il quale viene clamorosamente ipnotizzato da Gasparini. Finisce il match, l’Avellino si prende tre punti importantissimi. Lupi sotto la Curva a godersi gli applausi.