Ucraina, Sottosegretario all’Interno Carlo SIBILIA (M5S): “Fronteggiare la crisi energetica e cercare di non alimentare l’escalation militare le priorità per l’Italia”

adsense – Responsive Pre Articolo

“Gli italiani sono giustamente preoccupati per le conseguenze economiche del conflitto in Ucraina e per la durata della guerra, per questo col Decreto Aiuti abbiamo stanziato 14 miliardi per fronteggiare gli effetti sulle famiglie del caro energia.  Nel frattempo il governo sta opportunamente andando nella direzione di dare priorità all’autonomia energetica rispetto a quella dell’invio di altre armi, come aveva richiesto il M5S. Un primo risultato è già quello di prospettare interventi per gli investimenti sulle rinnovabili, rispetto a quanto accadeva in precedenza, quando si discettava di nucleare. Entro la fine dell’anno in corso almeno metà degli edifici pubblici e privati dovrebbero avere pannelli fotovoltaici e solari sul tetto: sono queste le priorità al momento. Il M5S non è contrario all’invio di armi difensive, è contrario alla continua escalation militare attraverso un incremento ulteriore delle armi. Come ha affermato anche il premier Draghi, oggi la priorità è cercare la pace: occorre sedersi tutti attorno a un tavolo per far decollare i negoziati che, al momento, vivono una pericolosa fase di stallo”.
E’ quanto ha dichiarato il sottosegretario SIBILIA, intervenendo ad Agorà su Raitre.

adsense – Responsive – Post Articolo



Donazione

Abbiamo bisogno di un piccolo favore


Nel 2020, 5.218.655 persone hanno letto gli articoli di Bassairpinia.it, oggi Binews.it. eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv. Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà al Binews di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.