SANT’Oggi. Mercoledì 10 agosto la chiesa celebra San Lorenzo e beato Francesco Drzewiecki

SANT’Oggi. Mercoledì 10 agosto la chiesa celebra San Lorenzo e beato Francesco Drzewiecki

a cura di don Riccardo Pecchia

 

SANT’Oggi. Mercoledì 10 agosto la chiesa celebra San Lorenzo e beato Francesco Drzewiecki10 agosto: beato Francesco Drzewiecki, nacque a Zduny (Polonia) il 26 febbraio 1908. La sua vocazione è chiara e ben delineata: diventare sacerdote e religioso all’interno della Piccola Opera della Divina Provvidenza di san Luigi Orione. Ordinato sacerdote il 6 giugno 1936, fa una breve esperienza nella struttura per handicappati gravi del Piccolo Cottolengo di Genova-Castagna, e poi a fine 1937 ritorna in patria, dove lo attende un’intensa attività educativa e pastorale, che svolge con generosità e dedizione. Tutto ciò fino al 1 settembre 1939, giorno in cui la Germania invade la Polonia, dando inizio ad una feroce persecuzione religiosa. Il 7 novembre 1939 quasi tutto il clero della diocesi di Wloclawek, vescovo e seminaristi compresi, viene arrestato e incarcerato: tra loro anche Francesco, che inizia così una via crucis, le cui “stazioni” dolorose hanno i nomi di Wloclawek, Lad, Szczyglin, Sachsenhausen, corrispondenti ai vari “campi” in cui viene internato e in ciascuno dei quali viene ricordato come “l’uomo che edificava con la sua cortesia e premura”. Il 14 dicembre 1940 fa il suo ingresso nel famigerato lager di Dachau, contrassegnato con il n. 22666, e destinato alle piantagioni: così, alle sofferenze e alle umiliazioni degli altri campi, si aggiungono estenuanti marce di trasferimento da una coltivazione all’altra e un duro lavoro sotto sole, vento o pioggia che finiscono per stremare quei poveri corpi già minati dalla fame e dalle malattie. Accovacciato per terra, come gli altri, per togliere erbaccia, o piegato a zappare e vangare, tiene davanti a sé la scatoletta dell’Eucaristia e fa adorazione ed è evidentemente questa a dargli la forza non solo per non disperare, ma anche per incoraggiare gli altri. Arriva però il giorno in cui anche Francesco si ammala e deve essere eliminato “perché invalido a lavorare”. Chi viene iscritto come “invalido” è messo in un blocco a parte: chi stava lì era destinato al gas e tutti, in ogni caso, sapevano di terminare direttamente al forno crematorio. Il 10 agosto 1942 inizia il suo ultimo viaggio verso la morte, che si concluderà nella camera a gas del castello di Hartheim, nei pressi di Linz. Avevo finito il turno notturno di lavoro. Nella strada principale del lager avevano radunato gli invalidi per il carico. Morì il 13 settembre 1942, a 34 anni.

SANT’Oggi. Mercoledì 10 agosto la chiesa celebra San Lorenzo e beato Francesco Drzewiecki