GROTTAMINARDA. UNA TARGA PER LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA.

adsense – Responsive Pre Articolo

L’emblema della lotta alla violenza sulle donne già c’è in tutto il suo valore simbolico ed artistico, ora però si vuole rafforzare il messaggio con una targa commemorativa sulla panchina rossa “Vita Spezzata” realizzata dalla Fidapa e dall’artista Pietra Barrasso nel 2017.

L’iniziativa, ancora una volta, a cura della Fidapa BPW Italy, Sezione di Grottaminarda e del Comune di Grottaminarda, è prevista per venerdì 26 novembre alle ore 18,30 nei Giardini De Curtis, alla presenza del Sindaco, Angelo Cobino, dell’Amministrazione comunale, della Presidente della Fidapa di Grottaminarda, Tiziana Meninno e delle Fidapine nell’ambito della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne”. La targa riporterà una frase poetica scritta da Anna Calabrese, socia Fidapa.

«”Il 25 novembre non ci basta più”, è lo slogan della Fidapa. La lotta alla violenza sulle donne già da tempo è un tema quotidiano – afferma l’Assessora alle Pari Opportunità, Virginia Pascucci – Il Comune di Grottaminarda, sempre presente insieme alle associazioni, in questo caso alla Fidapa, vuole lanciare un nuovo forte messaggio per sensibilizzare uomini e donne contro la violenza con questa targa commemorativa nei nostri frequentatissimi giardini pubblici. Avremmo voluto fare molto di più ma anche quest’anno, causa Covid, siamo attenti a non creare situazioni di assembramenti. Il nostro pensiero per le donne vittime di violenza è sempre presente e siamo disponibili a dare ascolto a chi volesse chiedere aiuto per indirizzarle sul percorso da seguire». 

GROTTAMINARDA. UNA TARGA PER LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA.

adsense – Responsive – Post Articolo



Donazione

Abbiamo bisogno di un piccolo favore


Nel 2020, 5.218.655 persone hanno letto gli articoli di Bassairpinia.it, oggi Binews.it. eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv. Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà al Binews di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.