Sessa Aurunca, centrale nucleare. Stato agitazione guardie giurate Ugl

adsense – Responsive Pre Articolo

La Ugl ha proclamato lo stato di agitazione. E’ quanto comunica il Segretario Provinciale del comparto Sicurezza Civile di Caserta Luca Tortora il quale ha inviato una comunicazione all’Ispettorato del lavoro ed alla società Italpol operante presso il sito Sogin, l’ex centrale nucleare del Garigliano di Sessa Aurunca.

“Abbiamo riscontrato delle anomalie nell’organizzazione dei turni e nella gestione delle ferie” argomentano dal sindacato di Piazza Ruggiero  “per questo ci siamo trovati costretti a richiedere una convocazione di un tavolo ad horas resasi necessaria per cercare di appianare le problematiche lamentate dai lavoratori e per ottenere un’offerta riparatrice capace di donare ristoro a quanti si sono ritrovati sotto stess e nell’incapacità di organizzare la propria vita privata e quella delle famiglie. E’ giunto il tempo di ripristinare le prerogative in essere prima dell’ultimo cambio d’appalto” ha chiosato Tortora. “Intanto stigmatiziamo, il comportamento di chi si dimostra intollerante a gestire corrette relazioni sindacali e nel contempo ” ha concluso il sindacalista “di concerto con la Segreteria Territoriale abbiamo allertato l’ufficio legale che sarà fruibile da chiunque ne farà richiesta”.

adsense – Responsive – Post Articolo



Donazione

Abbiamo bisogno di un piccolo favore


Nel 2020, 5.218.655 persone hanno letto gli articoli di Bassairpinia.it, oggi Binews.it. eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv. Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà al Binews di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.