Caserta. Attivo regionale della Ugl Igiene Ambientale. Capone, Favoccia e Palumbo punti di riferimento per il futuro

adsense – Responsive Pre Articolo

Si è concluso a Caserta, nella centralissima Piazza Ruggiero l’attivo regionale della categoria igiene ambientale della Ugl Campania. Numerosissimi i delegati provenienti dalle diverse province della regione che si sono misurati sulle problematiche lavorative alla presenza del Segretario Nazionale Roberto Favoccia. “Ci prepariamo ad una fase di rinnovo delle cariche sindacali” ha argomentato il sindacalista durante il suo intervento “nel contempo siamo impegnati nella discussione relativa al contratto nazionale di lavoro dal quale, considerando che in regioni come la nostra dove abbiamo numeri superiori agli altri, non possiamo essere esclusi. Ci incontriamo in Terra di lavoro perché il modello della locale Utl, basato su impegno, professionalità e confederalitá, è il più vicino a quello della nostra categoria”.

A seguire il Segretario Provinciale di Napoli Ciro Buonomo ha ricordato come i grandi gruppi imprenditoriali del nord stiano provando ad escludere la Ugl dai tavoli di categoria. Per Massimiliano Cafano di Salerno va ribadito che la Ugl opera nel solco di una storia lunga 70 anni che non consente a nessuno strumCaserta. Attivo regionale della Ugl Igiene Ambientale. Capone, Favoccia e Palumbo punti di riferimento per il futuro
Lo stesso Palumbo si è dichiarato onorato per i riflettori accesi a Caserta da quella che ha definito come una delle categorie più collaborative ed ha rinnovato la volontà di assistere l’Igiene Ambientale sui tavoli prefettizi.

adsense – Responsive – Post Articolo



Donazione

Abbiamo bisogno di un piccolo favore


Nel 2020, 5.218.655 persone hanno letto gli articoli di Bassairpinia.it, oggi Binews.it. eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv. Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà al Binews di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.