Sperone. Fiocco azzurro, in casa Schettino con l’arrivo di Luigi junior

adsense – Responsive Pre Articolo

Toc, toc e, in automatico, porte aperte in casa Schettino per il ben  arrivato Luigi junior, il primogenito di Gennaro, dirigente dei Servizi generali amministrativi dell’ Istituto statale d’istruzione superiore Francesco Gonzaga, a Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova, e della professoressa Rosita Sorbo, docente dell’ Istituto comprensivo Santa Croce, a Verona. Un arrivo speciale con la gioiosa accoglienza, riservata a Luigi junior dal nonno Luigi, geometra di lunga esperienza professionale ed operoso imprenditore, e della nonna, la professoressa Maria Caterina Fresca, docente di Materie letterarie nell’ Istituto professionale alberghiero e per la ristorazione Carmine Russo, a Cicciano.

            Luigi junior appartiene alla sesta generazione della famiglia, di cui è  stato capostipite Luigi Domenico – originario di Quadrelle– che nel territorio comunale di Baiano ha gestito le Fornaci – ‘E Carcare- operanti nelle località d’ Arciano e d’ ‘E Cantarielli. Una gestione protrattasi dagli ultimi decenni dell’ 800 fino agli anni ’60 del ‘900, con un’importante e ben significativa capacità produttiva, coinvolgendo direttamente quattro generazioni, da quella del capostipite Luigi Domenico, a quella del fratello Raffaele, da quella di Gennaro,  dalla perenne pipa curva che gli pendeva dalle labbra, a quella dei giovani fratelli Michele e Raffaele, che successivamente hanno fatto carriera nel Corpo della Guardia di Finanza.

            A GennaroRosita, in uno con nonno Luigi senior, nonna Maria Caterina e con la zia paterna, la dottoressa Michela, medico in servizio nel reparto della Chirurgia plastica oncologica del prestigioso Policlinico di Bruxelles, le felicitazioni della direzione e della redazione del giornale. A Luigi junior un affettuoso saluto  di ben arrivato.

   

adsense – Responsive – Post Articolo



Donazione

Abbiamo bisogno di un piccolo favore


Nel 2020, 5.218.655 persone hanno letto gli articoli di Bassairpinia.it, oggi Binews.it. eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv. Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà al Binews di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.