Infornate di “comandati” in Consiglio regionale. Stop a parentopoli e familismi senza concorsi”

adsense – Responsive Pre Articolo

Infornate di “comandati” in Consiglio regionale. Borrelli: “Qualsiasi procedura dovrà avvenire nel rispetto della legge. Stop a parentopoli e familismi senza concorsi”

“Né come consigliere, né come capogruppo, sono stato informato circa imminenti procedure di mobilità di personale, né tanto meno considero credibili, perché contro la vigente normativa, le ‘infornate’ che comprendano anche dipendenti di società partecipate dalla Regione”. Così il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli sull’articolo apparso su “Il Mattino” circa il collocamento di del personale “comandato”, proveniente da società partecipate, all’interno dell’ente. “Qualsiasi provvedimento in materia di organizzazione del personale e di eventuali procedure di mobilità, deve avvenire con il pieno coinvolgimento e la condivisione dei sindacati e delle forze politiche presenti in Consiglio regionale, partendo dalla valorizzazione del personale di ruolo per finire – se necessaria – alla mobilità nel rispetto della legge con procedure improntate alla massima trasparenza e pubblicità. Sono fermamente contrario ad ogni sistema di parentopoli e familismo. Chi non ha vinto un concorso non può far parte della pubblica amministrazione”.

adsense – Responsive – Post Articolo



Donazione

Abbiamo bisogno di un piccolo favore


Nel 2020, 5.218.655 persone hanno letto gli articoli di Bassairpinia.it, oggi Binews.it. eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv. Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà al Binews di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.