AVELLA. L’I.C.S. “Mons.P.Guerriero” si libra…

di M.S

Il filosofo e scrittore Umberto Eco nella nota rubrica de l’Espresso “La Bustina di Minerva” disse: “Ci sono due tipi di libro, quelli da consultare e quelli da leggere. I primi (il prototipo è l’elenco telefonico, ma si arriva sino ai dizionari e alle enciclopedie) occupano molto posto in casa, son difficili da manovrare, e sono costosi. Essi potranno essere sostituiti da dischi multimediali, così si libererà spazio, in casa e nelle biblioteche pubbliche, per i libri da leggere (che vanno dalla Divina Commedia all’ultimo romanzo giallo). I libri da leggere non potranno essere sostituiti da alcun aggeggio elettronico. Son fatti per essere presi in mano, anche a letto, anche in barca, anche là dove non ci sono spine elettriche, anche dove e quando qualsiasi batteria si è scaricata, possono essere sottolineati, sopportano orecchie e segnalibri, possono essere lasciati cadere per terra o abbandonati aperti sul petto o sulle ginocchia quando ci prende il sonno, stanno in tasca, si sciupano, assumono una fisionomia individuale a seconda dell’intensità e regolarità delle nostre letture, ci ricordano (se ci appaiono troppo freschi e intonsi) che non li abbiamo ancor letti, si leggono tenendo la testa come vogliamo noi, senza imporci la lettura fissa e tesa dello schermo di un computer, amichevolissimo in tutto salvo che per la cervicale. Provate a leggervi tutta la Divina Commedia, anche solo un’ora al giorno, su un computer, e poi mi fate sapere. Il libro da leggere appartiene a quei miracoli di una tecnologia eterna di cui fan parte la ruota, il coltello, il cucchiaio, il martello, la pentola, la bicicletta. Il coltello viene inventato prestissimo, la bicicletta assai tardi. Ma per tanto che i designer si diano da fare, modificando qualche particolare, l’essenza del coltello rimane sempre quella. Ci sono macchine che sostituiscono il martello, ma per certe cose sarà sempre necessario qualcosa che assomigli al primo martello mai apparso sulla crosta della terra. Potete inventare un sistema di cambi sofisticatissimo, ma la bicicletta rimane quella che è, due ruote, una sella, e i pedali. Altrimenti si chiama motorino ed è un’altra faccenda. L’umanità è andata avanti per secoli leggendo e scrivendo prima su pietre, poi su tavolette, poi su rotoli, ma era una fatica improba. 
Quando ha scoperto che si potevano rilegare tra loro dei fogli, anche se ancora manoscritti, ha dato un sospiro di sollievo. E non potrà mai più rinunciare a questo strumento meraviglioso. La forma-libro è determinata dalla nostra anatomia.
Dunque “Libriamoci” nel gesto semplice e primordiale dell’aprire un libro, del leggerne le frasi che corrono pazienti una dietro l’altra, del raccontarne il contenuto, del lasciarsi trasportare dal profumo delle sue pagine intonse o sgualcite dalle orecchie del tempo. “Libriamoci” sulla scia dell’immaginazione innescata dalle sue parole, che rendono il lettore sempre unico protagonista di storie meravigliose. “Libriamoci” tra una pagina e l’altra nella scoperta e riscoperta di ciò che è in fondo al cuore, alla mente, ai ricordi sopiti. “Libriamoci” per raggiungere un mondo fatato o avventuroso al suono della voce della maestra che legge, della mamma che racconta, del nonno che nostalgico ricorda… “Libriamoci” tra i banchi di scuola, dove il libro da oggetto comune del quotidiano si trasforma in magico vascello che solca mari sconfinati.AVELLA. L’I.C.S. “Mons.P.Guerriero” si libra…

AVELLA. L’I.C.S. “Mons.P.Guerriero” si libra… AVELLA. L’I.C.S. “Mons.P.Guerriero” si libra… AVELLA. L’I.C.S. “Mons.P.Guerriero” si libra… AVELLA. L’I.C.S. “Mons.P.Guerriero” si libra… AVELLA. L’I.C.S. “Mons.P.Guerriero” si libra… AVELLA. L’I.C.S. “Mons.P.Guerriero” si libra… AVELLA. L’I.C.S. “Mons.P.Guerriero” si libra… AVELLA. L’I.C.S. “Mons.P.Guerriero” si libra… AVELLA. L’I.C.S. “Mons.P.Guerriero” si libra… AVELLA. L’I.C.S. “Mons.P.Guerriero” si libra… AVELLA. L’I.C.S. “Mons.P.Guerriero” si libra…