SON OF A PITCH AWARD 2023 Premiati all’Italian Pavilion i vincitori della terza edizione

Sono stati annunciati i vincitori dei premi SON OF A PITCH AWARD 2023: sono sei giovanissimi provenienti da Iran, Afghanistan, Francia, Bulgaria, Cina e Colombia. Il contest, dedicato a cortometraggi realizzati da giovani talenti di tutto il mondo, è dedicato al tema della sostenibilità e, dal 2023, ha il Maestro Michelangelo Pistoletto come proprio ambasciatore.

 

Tre giurie coinvolte: una giuria artistica presieduta da Pif, una giuria sociale composta da immigrati del Centro Astalli e una giuria del pubblico composta da studenti di cinema.

Le tre giurie hanno assegnato all’unanimità, con votazioni segrete, il premio Miglior Corto, Premio del Pubblico e Intercultural al film d’animazione SONG OF THE WAVES della regista Colombe De Vallavieille sul tema del viaggio clandestino, insicuro e spesso mortifero che costringe uomini, donne e bambini a trovare un futuro migliore in Europa.

La stessa giuria artistica ha voluto assegnare una Menzione Speciale al cinese THE SQUARE CITY dei cinesi Ruth LamOn Wa Chow e Ka Lok Liu sul peso della fiducia e della responsabilità di un bambino in età scolastica, mentre il premio alla migliore regia va a ON THE OTHER SIDE OF THE MOUNTAIN del colombiano Yosman Serrano Lindarte, storia di formazione e di gioco di due adolescenti.

 

Come avvenuto negli anni precedenti, nel corso della premiazione, sono stati assegnati altri due riconoscimenti, che nascono dall’incontro tra mondo del cinema e mondo delle aziende.

Il premio Sostenibilità – assegnato da eFM, main partner – va a LIGHTS della ventitreenne Adél Palotás. “Lights parla di un tema cruciale come quello dell’efficienza energetica e, in chiave metaforica, parla anche dell’uomo e della società, esplorando le dinamiche relazionali di lampadine di vecchia e di nuova generazione. Abbiamo scelto questo film perché crediamo che il tema energetico e quello dell’innovazione tecnologica non possano essere affrontati solo in funzione dell’efficienza, ma anche dell’efficacia e dell’impatto”, ha dichiarato Daniele Di Fausto, CEO eFM e Founder Venture Thinking.

In più, per la prima volta, l’azienda biofarmaceutica delle malattie rare Sobi Italia, presente tra gli sponsor del premio, ha assegnato il riconoscimento “Corto Circuito” all’indiano SHIKSHA (Education or Punishment) di Rashtrapal Kakde, centrato sull’accesso libero allo studio: “Nonostante viviamo nel 2023, abbiamo bisogno di opportunità eque per tutti, a partire dall’educazione scolastica” ha dichiarato Annalisa Adani, VP & General Manager Sobi Italia. “Per questo motivo abbiamo scelto di sponsorizzare la distribuzione di questo cortometraggio: Sobi è, infatti, un’azienda che si prende cura delle persone e la nostra missione è fare la differenza nella vita di chi ha una malattia rara e lo facciamo grazie alle terapie innovative che migliorano la loro esistenza. Siamo da sempre orientati ai giovani e al futuro perché la scienza non si ferma mai, e proprio come il cinema parlano un linguaggio universale”.

Il riconoscimento Corto Circuito consiste nella distribuzione gratuita per 12 mesi di un cortometraggio che in questo caso è stato selezionato da Sobi Italia per la sua capacità di far emergere i temi della diversità, equità ed inclusione.

Infine il premio Territori Invisibili, di confine e di domani creato dall’architetto Alfonso Femia, Founder di Ateliers Alfonso Femia è stato assegnato all’afghano ONLY IN AFGHANISTAN di Mohammad Bashir Setaushpoor e il premio Futuro, che consiste nella distribuzione gratuita di un cortometraggio a carico di Son of a Pitch, è TOUCH OF AUTISM della regista iraniana Sepideh Parizan. Il corto, selezionato da Erminio Perocco, creative director e noto pubblicitario, è stato scelto “per aver saputo affrontare – ha affermato lo stesso Perocco – la tematica in modo non convenzionale, laterale e creativo, utilizzando per raccontare con maturità e sicurezza l’immagine, senza l’uso della parola, che è proprio dello specifico filmico”.

SON OF A PITCH AWARD 2023  Premiati all’Italian Pavilion i vincitori della terza edizione