La Corte Suprema degli Stati Uniti infligge un duro colpo all’erbicida Roundup di Bayer

La Corte Suprema degli Stati Uniti martedì ha rifiutato di ascoltare un ricorso del gruppo tedesco Bayer, proprietario della Monsanto, con il quale intendeva impugnare migliaia di denunce secondo cui il suo erbicida Roundup provoca il cancro, aprendo la porta al risarcimento milionario. Decidendo di non intervenire, l’Alta corte ratifica una precedente sentenza del tribunale che condanna il gruppo a pagare 25 milioni di dollari (23 milioni di euro) a un pensionato, Edwin Hardeman, che attribuisce il cancro di cui soffre a questo erbicida a base di glifosato. Come di consueto, la Suprema Corte non ha motivato la sua decisione, che potrebbe avere gravi conseguenze per Bayer, oggetto di oltre 31.000 denunce simili, oltre a quelle per le quali ha raggiunto un accordo. E il numero potrebbe aumentare. L’azienda tedesca ha già stanziato 6.500 milioni di dollari (6.100 milioni di euro) per affrontare nuove procedure (2.000 milioni inizialmente e poi ulteriori 4.500 milioni dopo il rifiuto di un accordo). Le azioni Bayer sono scese del 2,26% a 61,93 euro ( 65,38 dollari) alla Borsa di Francoforte alla fine della sessione. “Bayer è rispettosamente in disaccordo con la decisione della Corte Suprema ” , ma “è pienamente preparata ad affrontare il rischio legale associato a possibili rivendicazioni future negli Stati Uniti”, ha reagito il gruppo in una nota. L’azienda afferma di “non ammettere alcuna colpa o responsabilità” e “continua a supportare i suoi prodotti Roundup , uno strumento prezioso per una produzione agricola efficiente in tutto il mondo”. Edwin Hardeman, a cui è stato diagnosticato un linfoma non Hodgkin nel 2015, è stato uno dei primi a citare in giudizio la Monsanto, sostenendo che la sua malattia era dovuta all’erbicida che ha usato nella sua proprietà per 25 anni. Ha accusato il gruppo di utenti fuorvianti sostenendo che il glifosato era innocuo e di non includere avvertenze sulle sue etichette. Nel 2016 ha intentato causa civile. Nel 2019 Bayer è stato condannato a risarcirlo per 25 milioni di dollari, decisione confermata in appello nel 2021. La società ha quindi presentato ricorso alla Corte Suprema degli Stati Uniti , impugnando la sentenza secondo cui l’Environmental Protection Agency (EPA) ritiene che l’uso di Roundup non meriti un avvertimento particolare contro il cancro. Il procuratore generale che rappresenta il governo ha chiesto a maggio il rigetto dell’appello del gruppo, segnando un cambiamento nel tono dell’amministrazione del presidente Joe Biden rispetto a quella del suo predecessore Donald Trump, il cui Dipartimento di Giustizia si era schierato, Bayer al momento dell’appello. Il principale ingrediente attivo di Roundup è il glifosato, classificato come “probabile cancerogeno” dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Ma la Monsanto insiste sul fatto che nessuno studio ha concluso che Roundup, che è sul mercato dagli anni ’70, e il glifosato sono pericolosi. Bayer ha acquistato l’americana Monsanto nel 2018 per 63.000 milioni di dollari (59.600 milioni di euro). Da allora è stato coinvolto in molteplici cause relative agli erbicidi negli Stati Uniti. Nel giugno 2020 , ha firmato un accordo da 10 miliardi di dollari con i rappresentanti dei querelanti. Le parti hanno concordato di aggiungere $ 2 miliardi per risolvere i reclami futuri, ma un giudice della California ha respinto questa aggiunta nel maggio 2021. Nel tentativo di porre fine definitivamente a tutte le segnalazioni di irregolarità, nel maggio 2021 il gruppo ha introdotto un piano in cinque punti che , in caso di sconfitta della Corte Suprema nel caso Hardeman , avrebbe avviato trattative per le segnalazioni non incluse nell’accordo del 2020. Martedì, Bayer ha affermato di essere “pienamente preparata a difendere casi in tribunale in cui le aspettative dei querelanti sono irragionevoli”. L’azienda tedesca sottolinea chedi recente sono state emesse a suo favore diverse sentenze relative all’erbicida e ricorda che la Corte Suprema deve pronunciarsi su un altro caso che ha presentato ricorso: una sentenza che assegna 87 milioni di dollari (82 milioni di euro) ad Alva e Alberta Pilliod, entrambi con linfoma dopo aver usato Roundup per anni.