Forino (Av): Torna preponderante il tema della Sicurezza delle Scuole

Sono ormai alcuni anni che a Forino tiene banco la questione riguardante la sicurezza delle Scuole. Tanti si sono chiesti e si stanno chiedendo, ” Ma a che livello di sicurezza sono messe le scuole forinesi? Sono funzionali ai tempi ed all’ istruzione del format moderno? Diciamo che purtroppo i vari plessi forinesi sono, chi più, chi meno, tutti di datata epoca certamente non più giovani di 40/60 anni ognuno di esso. Qualcuno ha avuto la fortuna di essere ristemato come il plesso Vespucci di piazza Kennedy, gli altri ancora attendono lavori di adeguamento antisismico. Riguardo alla funzionalità in visione extracurriculare moderna ed in ottica tempo pieno, solo la Scuola Secondaria di Primo Grado Elodia Botto Picella si presenta più adatta anche per la presenza di un’ attigua palestra, ma ancora non adeguata sismicamente. Le altre presentano molte note veramente dolenti. I fondi Pnrr stanno comunque mettendo a disposizione fiori di quattrini per progetti di Edilizia Scolastica ed in effetti anche il Comune di Forino ha guardato in questa ottica avendo candidato due progetti uno riguardante la Scuola dell’ Infanzia “Rodari” di cui sembra non aver avuto finanziamenti, pur essendo un edificio coinvolto da alcune criticità e molto datato, l’altro riguardante la Palestra della Scuola Media Picella finanziato con 650.000 euro i per efficientamento energetico e funzionalità, ma che non vedrà la luce questo anno scolastico e che forse costringerà gli alunni a rimanere nei banchi di scuola nell’ ora di educazione fisica in questo A .S 2022/2023 visto che la struttura è ancora coinvolta da evidenti infiltrazioni di acqua. Ora a prescindere la futuristica visione amministrativa, ci chiediamo se effettivamente tutto questo può bastare , allorquando si stanno vedendo altri Comuni Irpini fruire di fondi PnRr per le obsolete strutture scolastiche. Abbiamo apprezzato lo spostamento del Comune nel Palazzo Caracciolo sicuro, nuovo e da bomboniera amalfitana. Ma ci chiediamo. I nostri alunni sono sicuri nelle nostre strutture scolastiche? Ed il Vecchio Municipio adeguato sismicamente non potrebbe ospitare qualche plesso forinese che fa aleggiare dubbi di sicurezza a genitori ed alunni? Non ce ne vogliate , ma settembre è vicino , la scuola occupa 300 giorni l ‘ anno della vita di una comunità. La sicurezza dei bambini , degli alunni è un bene primario da salvaguardare. Daniele Biondi