U.S. Avellino. D’Amico: “Il lupo nel mio destino: come me, capo branco”

A margine dell’allenamento di questa mattina, tenutosi allo stadio “Degli Angeli” di Palena (CH), il calciatore Felice D’Amico si è presentato agli organi d’informazione.

Di seguito le dichiarazioni del giocatore biancoverde.

La trattativa: “Ho ricevuto la chiamata del direttore Perinetti e non ho esitato nel venire in una piazza così importante. È bastato poco, due chiacchiere ed abbiamo chiuso l’accordo”.

Sui primi giorni di ritiro: Stancanti ma allo stesso tempo ci servono per affrontare il campionato con la mentalità giusta e con le energie che servono a cercare di raggiungere gli obiettivi prefissati da noi e dalla società”.

Sul tatuaggio del lupo: “Il lupo lo feci tanti anni fa e se ad oggi sono quì forse lo ha voluto il destino. Il lupo rappresenta un pò quello che ho passato nella mia vita, essere un capo branco sia a livello familiare che educativo. Voglio essere ambizioso e cercare di catturare molte prende nella prossima stagione”. 

Fonte: U.S. Avellino 1912