1500 pesci muoiono nell’esplosione dell’acquario di Berlino. VIDEO

Berlino – Un botto incredibilmente forte, parti della facciata che sono state soffiate sulla strada e molta acqua: il grande acquario dell’Hotel Aquaree di Berlino è esploso la mattina presto di venerdì (16 dicembre) per un motivo sconosciuto. Mentre stanno diventando pubblici nuovi dettagli sull’esplosione di quello che è, secondo l’operatore, il “più grande acquario cilindrico autoportante del mondo”, ora si è espressa anche l’organizzazione per la protezione degli animali PETA. Nel contenitore in vetro acrilico, che si poteva ammirare anche utilizzando un ascensore, vivevano circa 1.500 pesci di acqua salata di decine di specie diverse. L’acquario conteneva un milione di litri e, secondo l’operatore dell’hotel, era stato ampiamente modernizzato entro l’estate 2020. Come ora mostrano i video in circolazione da Berlino , le masse d’acqua si sono riversate nell’edificio in un lampo al mattino presto. L’Aquadom ha una colonna d’acqua alta 14 metri, è riempito con circa un milione di litri d’acqua e ospita circa 1500 pesci tropicali. All’interno dell’acquario, un ascensore a due piani porta i visitatori attraverso il mondo sottomarino.Nel frattempo erano in servizio 100 forze di polizia, l’adiacente Karl-Liebknecht-Strasse è stata chiusa e gli ospiti hanno dovuto lasciare l’edificio. L’entità del danno non è stata ancora determinata in modo definitivo, ma una cosa è certa: i 1.500 pesci tropicali non sono sopravvissuti all’evento. L’incidente evoca ricordi dell’uccisione di pesci nell’Oder, dove migliaia di pesci sono morti quest’estate. Di conseguenza, è intervenuta anche l’organizzazione per il benessere degli animali Peta. “Spiegheremo una denuncia penale contro i responsabili perché la vita di circa 1.500 pesci è stata apparentemente gestita con negligenza”, ha detto un portavoce dell’organizzazione. La distruzione dell’acquario è una “enorme tragedia provocata dall’uomo”. Non dovrebbe essere ricostruito. La Peta si è recentemente fatta un nome chiedendo un divieto che colpirebbe gli uomini carnivori. A Berlino, invece, non è ancora chiaro perché l’acquario, che pesa circa una tonnellata, sia scoppiato. Come ha detto alla Dpa la senatrice dell’Interno locale Iris Spranger (SPD), la ricerca sulle cause “naturalmente non è ancora conclusa, ma i primi segnali indicano stanchezza materiale”. Secondo la polizia allo stato attuale delle indagini, non ci sono prove che l’acquario sia stato deliberatamente manipolato.