“Tra due mesi potremo tornare a una vita normale”, stima un epidemiologo danese.

adsense – Responsive Pre Articolo

Tyra Grove Krause vede la variante omicron come un punto di svolta, ma in modo positivo. “Il rischio di finire in ospedale ora è la metà rispetto alla variante delta. Tuttavia, l’alto numero di contagi potrebbe ancora mettere a dura prova il nostro sistema sanitario”. La Danimarca sembra aver superato il picco nel grafico sottostante, ma questa è probabilmente un’illusione. Negli ultimi giorni sono stati effettuati meno test, il che significa che sono stati rilevati meno contagi. La scorsa settimana, per quattro giorni consecutivi, sono state rilevate oltre 20.000 infezioni. In confronto, il nostro paese ha appena iniziato la sua ascesa. “Entro la fine del mese, il numero di infezioni raggiungerà il picco in Danimarca”, ha detto Krause. “Sarà un altro momento difficile, che richiederà sforzi da parte nostra. A febbraio, poi, la pressione si attenuerà gradualmente. Diciamo che il Covid-19 ha il campo libero per altri due mesi. Dopodiché, spero che si possa tornare alla normalità”. Le misure danesi non sono molto diverse dalle nostre. Attualmente sono ricoverati 770 abitanti della Danimarca. Questo è il numero più alto dal gennaio 2021. È importante notare che questo numero include i pazienti che sono stati ricoverati per qualcos’altro, ma che sono stati successivamente diagnosticati positivi. “Secondo me, l’omicron si sta diffondendo in tutto il mondo. Ad un certo punto diventeremo tutti più o meno immuni, sia ai vaccini che all’omicron. Questo ci metterà in una posizione più forte se dovesse apparire una nuova variante “, conclude la signora Krause. Circa il 48,5% della popolazione danese ha già ricevuto un’iniezione di richiamo. Il 78% era doppiamente vaccinato.

adsense – Responsive – Post Articolo



Donazione

Abbiamo bisogno di un piccolo favore


Nel 2020, 5.218.655 persone hanno letto gli articoli di Bassairpinia.it, oggi Binews.it. eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv. Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà al Binews di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.