Sicurezza, firmati oggi accordi sindacali Vigili del Fuoco. Sottosegretario all’Interno Carlo SIBILIA: “40 milioni assegnati, dopo anni di pacche sulle spalle”

adsense – Responsive Pre Articolo

Sono stati sottoscritti oggi dal Sottosegretario Carlo Sibilia, dal Capo del Dipartimento dei Vigili del Fuoco Prefetto Laura Lega e dai rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali, gli accordi integrativi che distribuiscono al personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco le risorse del Fondo di Amministrazione per l’annualità 2019 e del Fondo di produttività per l’annualità 2019.

Dopo l’accordo nazionale firmato lo scorso mese di febbraio alla Funzione Pubblica, con un budget di circa 80 milioni di euro per il personale del Corpo, vengono ora destinati al personale non direttivo e non dirigente circa 34,3 milioni di euro che serviranno ad incrementare, in particolare, le indennità di turno festivo, notturno e superfestivo, il compenso di produttività e la reperibilità.

Ulteriori 4 milioni di euro vengono destinati ad incrementare le indennità per il soccorso esterno e la reperibilità del personale direttivo.

Si è provveduto a rideterminare, inoltre, anche le misure del trattamento economico accessorio dei dirigenti a decorrere dal 2022.

Il Sottosegretario Sibilia ha affermato che “quello di oggi è un risultato molto positivo, considerato che vanno in distribuzione tra operativi e direttivi circa 40 milioni di euro, frutto di sforzi di una politica che, ben oltre le consuete pacche sulle spalle, ha deciso di valorizzare seriamente il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Tuttavia è auspicabile che per raccogliere le sfide del futuro i prossimi sforzi vadano nella direzione di valorizzare sempre di più alcune responsabilità specifiche. Il Corpo Nazionale del futuro dovrà essere come i meccanici della Ferrari, sempre più efficiente nel soccorso ai cittadini – ha concluso Sibilia”.

adsense – Responsive – Post Articolo



Donazione

Abbiamo bisogno di un piccolo favore


Nel 2020, 5.218.655 persone hanno letto gli articoli di Bassairpinia.it, oggi Binews.it. eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv. Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà al Binews di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.