Grottaminarda. Accordato alla biblioteca Osvaldo Sanini il “fondo emergenze istituzioni culturali”.

adsense – Responsive Pre Articolo

Grottaminarda con la sua Biblioteca figura nel decreto del Ministero per i Beni e le Attività culturali in cui si approva l’elenco delle biblioteche beneficiarie del “Fondo emergenze imprese e istituzioni culturali di cui all’art. 183, comma 2, del decreto-legge n. 34 del 2020, destinata al sostegno del libro e dell’intera filiera dell’editoria libraria”.

Circa 5mila euro il contributo assegnato alla Biblioteca “Osvaldo Sanini”. Un risultato gratificante per amministratori e responsabili del settore poiché da tempo non si riusciva a destinare somme per questo servizio. Il 7 luglio scorso la candidatura per cercare di ottenere il finanziamento.

La Biblioteca Comunale intitolata ad “Osvaldo Sanini” in ricordo del poeta internato a Grottaminarda nel periodo fascista, trova collocazione da qualche anno a questa parte, all’interno delle sale del Castello d’Aquino.

Di norma resta aperta al pubblico dal lunedì al venerdì, dalle 8:45 alle 13:30 ed il martedì e giovedì dalle 16:00 alle 18:00 ma in questa fase é gradita la prenotazione chiamando il numero: 0825/445241.

Caratterizzata da una sezione di autori locali e da un’altra concernente i Comuni della Campania, dotata di spazi per la lettura, per la ricerca e per lo studio individuale, la Biblioteca “Osvaldo Sanini”, è aperta a tutti; una struttura preposta anche a lavori di carattere culturale e ad iniziative miranti alla crescita conoscitiva e informativa della comunità. È inserita nel Sistema Bibliotecario Provinciale di Avellino e nel programma di gestione bibliotecaria UOL.IT per il progetto di Informatizzazione su rete provinciale. Vi si possono trovare e consultare migliaia di volumi divisi per argomenti, nonché enciclopedie tra cui la “Treccani” che offre ampia possibilità di accesso informativo ai lettori di ogni target.

adsense – Responsive – Post Articolo



Donazione

Abbiamo bisogno di un piccolo favore


Nel 2020, 5.218.655 persone hanno letto gli articoli di Bassairpinia.it, oggi Binews.it. eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv. Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà al Binews di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.