AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo della violenza sulle donne

adsense – Responsive Pre Articolo

La panchina rossa, colore del sangue, è il simbolo del posto occupato da una donna che non c’è più, portata via dalla violenza.
La panchina è il simbolo di un percorso di sensibilizzazione verso il femminicidio e la violenza maschile sulle donne e collocata in una piazza, in un giardino pubblico, davanti ad una scuola, a un museo o in un centro commerciale, mantiene viva una presenza.
Anche Avella ha la sua panchina rossa, questa mattina è stata inaugurata in piazza Convento su iniziativa della Consulta delle Associazioni della cittadina archeologica e supportata dall’Amministrazione comunale. Presenti il sindaco Vincenzo Biancardi, il vice Anna Alaia e la consigliera Nicoletta Longobardi con la partecipazione della consigliera pari opportunità della Provincia di Avellino Vincenza Luciano. Per l’opposizione la capogruppo di Cambia Avella Chiara Cacace. Il parroco don Giuseppe Parisi ha provveduto alla sua benedizione subito dopo un breve discorso delle varie figure istituzionali presenti e della presidente delle associazioni la dottoressa Serena Bevilacqua che ha presentato l’iniziativa. Presenti anche una rappresentanza delle scuole dell’istituto “Guerriero” con in testa il dirigente scolastico.AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne AVELLA. Inaugurata la panchina Rossa, simbolo  della violenza sulle donne

adsense – Responsive – Post Articolo



Donazione

Abbiamo bisogno di un piccolo favore


Nel 2020, 5.218.655 persone hanno letto gli articoli di Bassairpinia.it, oggi Binews.it. eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv. Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà al Binews di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.