Il vento si abbatte sulla Focara di Novoli, crolla un piano.

adsense – Responsive Pre Articolo

È partito il conto alla rovescia che ci accompagnerà per i prossimi tre giorni alla marcia di avvicinamento all’evento di livello nazionale ed internazionale. Gli organizzatori, però, sono alle prese con un imprevisto inatteso che ha complicato un po’ i piani della vigilia. Le fortissime raffiche di vento che stanno arrivando da Nord e che, da dopo la mezzanotte di ieri, si stanno abbattendo sul Salento, hanno preso di mira anche la pira che, con grande cura, si sta cercando di allestire in queste ore. La forte tramontana ha spostato l’ultimo piano del falò senza, per fortuna, causare danni.  Il falò più grande del Mondo si farà lo stesso, non ci sono dubbi ma i componenti del Comitato saranno chiamati agli straordinari per riattivare la macchina organizzativa e i lavori di ripristino affinché tutto sia pronto per i tre giorni del fuoco dedicati al patrono Sant’Antonio Abate, il 17 gennaio. I due piani del falò, saranno colorati di bianco per ricordare il personale sanitario impegnato nella lotta al Covid19.

adsense – Responsive – Post Articolo



Donazione

Abbiamo bisogno di un piccolo favore


Nel 2020, 5.218.655 persone hanno letto gli articoli di Bassairpinia.it, oggi Binews.it. eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv. Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà al Binews di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.