Bulgaria, si schianta autobus a sud di Sofia: almeno 46 morti, 12 sono bambini. Salve solo 7 persone, tra le possibili cause un incendio a bordo. Tra le vittime anche la figlia di un politico albanese

adsense – Responsive Pre Articolo

Tragico incidente stradale in Bulgaria. Almeno 46 persone, di cui 12 tra bambini e ragazzi, sono rimasti uccisi quando il bus sul quale viaggiavano si è schiantato vicino al villaggio di Bosnek, a sud-ovest della capitale Sofia. L’incidente è avvenuto nella notte, intorno alle 02:00 ora locale, per ragioni ancora da chiarire. Il bus si è rovesciato ma non è ancora chiaro se abbia preso fuoco prima o dopo. I funzionari di Polizia hanno riferito che il veicolo sembrava aver urtato una barriera autostradale che appare divelta. Sul mezzo, partito da Istanbul e diretto a Skopje, viaggiavano una cinquantina di persone, per la maggior parte albanesi. Secondo i media, tra le vittime c’è la figlia del noto politico albanese, Muhedin Brava. La notizia è stata annunciata dallo stesso politico, che ha condiviso una foto del tragico incidente e scritto alcune parole toccanti per la figlia. Il premier ad interim bulgaro Stefan Yanev, ha telefonato al primo ministro del Nord Macedonia, Zoran Zaev, informandolo dell’intenzione di recarsi sul luogo dell’incidente.

adsense – Responsive – Post Articolo



Donazione

Abbiamo bisogno di un piccolo favore


Nel 2020, 5.218.655 persone hanno letto gli articoli di Bassairpinia.it, oggi Binews.it. eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv. Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà al Binews di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.