Luglio 2023 è il mese più caldo mai registrato in 120.000 anni, secondo uno studio

Luglio sarà il mese più caldo mai registrato e potrebbe essere il mese più caldo in 120.000 anni, secondo un’analisi pubblicata giovedì dal dottor Karsten Haustein, scienziato del clima presso l’Università tedesca di Lipsia. Haustein ha scoperto nella sua analisi che la temperatura media di luglio sarebbe stata di circa 1,5 gradi Celsius più calda di quella del pianeta prima che le persone iniziassero a bruciare carbone, petrolio e gas e di 0,2 gradi Celsius più calda rispetto al precedente record stabilito nel luglio 2019. “Non solo sarà il luglio più caldo, ma anche il mese più caldo di sempre in termini di temperatura media globale assoluta”, ha affermato il ricercatore. “Potremmo dover tornare indietro di migliaia se non di decine di migliaia di anni per trovare condizioni simili calde sul nostro pianeta”.Le sue scoperte sono state confermate dall’Organizzazione meteorologica mondiale delle Nazioni Unite, che giovedì ha anche rilasciato una dichiarazione osservando che “le prime tre settimane di luglio sono state il periodo di tre settimane più caldo mai registrato e il mese è sulla buona strada per essere il mese di luglio più caldo e il mese più caldo mai registrato. In Italia, un’ondata di caldo di due settimane quasi costante è persistita in tutto il paese, anche se secondo il servizio meteorologico italiano non è stato ancora battuto alcun record. Un altro scienziato, il dottor Laurence Wainwright dell’Università di Oxford, ha dichiarato: “Dobbiamo lavorare rapidamente per mitigare le emissioni di carbonio. Stiamo letteralmente giocando con il fuoco ed è ora di smetterla. All’inizio di questa settimana, uno studio separato degli scienziati di World Weather Attribution ha scoperto che senza il cambiamento climatico indotto dall’uomo, le ondate di caldo estremo che hanno colpito il Nord America, l’Europa e la Cina questo mese, causando incendi boschivi, scarsità d’acqua e persino morte, sarebbero state “estremamente raro.” Inoltre, le ondate di caldo sono “estremamente pericolose”, secondo gli esperti della sanità pubblica.Ha evidenziato uno studio pubblicato su Nature Medicine il mese scorso che stimava quasi 62.000 morti attribuibili al caldo tra il 30 maggio e il 4 settembre 2022 in Europa, l’estate più calda mai registrata nella regione. Allo stesso modo  “ogni anno muoiono più persone per l’inquinamento atmosferico che per terrore, incidenti stradali e violenza domestica messi insieme”, ha affermato l’ambientalista israelo-americano Yosef Abramowitz, membro del consiglio dell’Unione israeliana delle ONG ambientali e leader del President’s Climate Forum. Ha stimato che circa 2.000 israeliani muoiono ogni anno a causa di rischi ambientali. “Abbiamo costantemente assistito a un aumento degli impatti sulla salute dei cambiamenti climatici attraverso i nostri indicatori relativi al caldo: i decessi correlati al caldo tra gli anziani sono in aumento, la produttività sta diminuendo a livello globale a causa del caldo, con ripercussioni sui mezzi di sussistenza e sul benessere delle persone”, ha affermato l’italiana Dott.ssa Marina Romanello, ricercatrice presso l’University College London Institute for Global Health e coautrice degli ultimi rapporti di Lancet nonché direttrice esecutiva di Lancet Countdown on Climate Change and Health, che monitora l’evoluzione del profilo sanitario dei cambiamenti climatici. “Questo è il costo umano di una profonda mancanza di impegno nell’affrontare la crisi climatica e un primo segno di quello che sarà un futuro molto più catastrofico a meno che non intraprendiamo azioni urgenti per cambiare rotta”.