AVELLINO. L’edilizia ai raggi x con i vertici nazionali di Federcomated, Confcommercio, Sercomated e Mdc. Venerdì 6 giugno, importante momento di confronto alla Camera di Commercio.

adsense – Responsive Pre Articolo

I vertici nazionali di Federcomated, Confcommercio, Sercomated e Movimento Difesa del Cittadino saranno in provincia di Avellino venerdì 6 giugno, alla Camera di Commercio di piazza Duomo, per partecipare ad un importante seminario-incontro informativo. Dalla mattina alle 9.30, saranno accesi i riflettori sul Regolamento 305/2011, entrato in vigore il 1° luglio del 2013: un regolamento che fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione. Un seminario di natura tecnica ma non solo, perché saranno approfonditi anche argomenti di rilievo riguardanti il settore dell’edilizia, uno dei settori trainanti per l’economia campana ed irpina. Anzi, il parterre di ospiti imporrà momenti di confronto che si preannunciano molto interessanti. Il seminario è stato organizzato dal presidente di Ascomed Avellino, nonché componente di giunta Federcomated con delega per il Mezzogiorno, Giulio De Angelis. Oltre ai saluti del sindaco di Avellino, Paolo Foti, e del presidente della Camera di Commercio, Costantino Capone, interverranno: l’avvocato Tiziana Tomeo, esperta della normativa; Giuseppe Frieri, presidente Federcomated e Eufemat; Rodolfo Girardi, presidente nazionale Federcostruzioni; Francesco Luongo, vice presidente nazionale Mdc; Luca Berardo, presidente Sercomated; Gabriele Nicoli, vice presidente Sercomated. I dettagli del seminario saranno illustrati martedì mattina, alle 10.30, nel corso di una conferenza stampa presso la Confcommercio di Avellino da Giulio De Angelis e Paola Del Gaudio, vice presidente provinciale di Federcomated.

adsense – Responsive – Post Articolo



Donazione

Abbiamo bisogno di un piccolo favore


Nel 2020, 5.218.655 persone hanno letto gli articoli di Bassairpinia.it, oggi Binews.it. eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv. Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà al Binews di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.