Precisazione del Presidente di Seggio: Nessuna violazione della Privacy al Seggio Elettorale di Avella


Precisazione del Presidente di Seggio: Nessuna violazione della Privacy al Seggio Elettorale di Avella

(Riceviamo e pubblichiamo). Buongiorno, in riferimento all’articolo pubblicato riguardante la presunta violazione della privacy al seggio elettorale di Avella, desidero fornire alcune precisazioni fondamentali. Il mio nome è Giuseppe Abate, e al momento dei fatti ricoprivo la funzione di Presidente di Seggio. Il signor Serpico si è presentato al seggio elettorale affermando di essere cieco e di necessitare assistenza per votare. Alla mia richiesta di un certificato medico che attestasse la sua cecità, il signor Serpico ha mostrato un certificato medico ASL risalente al 2018. Ho quindi esortato il signor Serpico a presentare il tesserino dei disabili, di cui però non era provvisto.

È importante sottolineare che in quel momento erano presenti solo i membri dell’ufficio elettorale e la moglie del signor Serpico. Ho agito nel pieno rispetto del protocollo, senza esercitare alcuna violenza sulla privacy del signor Serpico. Anzi, ritengo che sia stata violata la mia privacy e la mia integrità professionale con le accuse mosse nei miei confronti.

Il mio unico intento era di seguire le procedure previste per garantire la correttezza delle operazioni di voto e la tutela di tutti i partecipanti. Non vi è stata alcuna intenzione di mettere in dubbio la condizione del signor Serpico, ma semplicemente di verificare la documentazione necessaria come richiesto dalle norme elettorali.

Pertanto, ribadisco con fermezza che non vi è stata alcuna violazione della privacy del signor Serpico. L’operato svolto al seggio elettorale è stato eseguito con il massimo rispetto delle leggi e delle procedure vigenti.

Grazie per l’attenzione.

Giuseppe Abate Presidente di Seggio